Punto n.659 del 29-03-2019
Pag.1 < > Pag.2

Punto di Creazzo n.659 del 29-03-2019
ALFONSO D’ESTE
Eusebio Graziano

Nell’ultimo numero del Punto c’è un interessante intervento della signora Modolo circa il destino comune. Anche se non condivido il concetto, (in quanto, secondo me, ammesso e non concesso che ci sia un destino, questo è individuale e dipende in parte da noi, in parte da circostanze al di là del nostro controllo), ritengo abbia toccato argomenti interessanti. Credo che la situazione descritta dalla signora sia né più né meno quella descritta in una mia lettera di qualche anno fa, “Il vero prezzo della diseguaglianza”. Era ispirata da una lettera di Don Mazzetto nella quale lamentava il fatto che stiamo in gran parte diventando “più cattivi ed indifferenti”. Allora considerai: “Soprattutto la seconda, e temo che sotto molti aspetti sia giusto così. Se chi non era indifferente diventa indifferente normalmente qualche ragione c’è, e non parlo per sentito dire, ma per esperienza personale: quando vedi che il più elementare buon senso viene ignorato è normale che cadano le braccia e che uno non voglia rovinarsi l’esistenza perché viviamo in un mondo dove c’è quella che Alberto Statera, giornalista, definisce “La prevalenza del cretino”. Tempo fa ho CONTINUA A LEGGERE...




Punto di Creazzo KLIK