Punto n.682 del 30-10-2019
Pag.1 < > Pag.2

Punto di Creazzo n.682 del 30-10-2019
UN ANNO DOPO VAIA, PER NON DIMENTICARE. SEI ABETI SU DIECI A TERRA.
Ufficio Stampa Coldiretti Vicenza

Sei alberi su dieci sono ancora a terra ad un anno dalla tempesta Vaia che, con piogge e raffiche di vento ha colpito la montagna vicentina ed altri territori del Nord Italia, provocando la strage di circa 14 milioni di piante su una superficie di oltre 41mila ettari.
“Un dato che rattrista e fa riflettere – spiega il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola – ad un anno dal terribile evento che ha scosso non solo il Vicentino, ma l’intera Penisola. Una tragedia che rischia di compromettere l’equilibrio ecologico ed ambientale di vaste aree montane mettendo a rischio la stabilità idrogeologica”.
Ad essere abbattuti sono stati soprattutto faggi ed abeti bianchi e rossi nei boschi dal Veneto al Trentino Alto Adige, al Friuli Venezia Giulia dove, nelle montagne, la mancanza di copertura vegetale lascia il campo libero a frane e smottamenti in caso di forti piogge, senza dimenticare gli effetti sulla grande varietà di vegetali e sulla popolazione di mammiferi, uccelli e rettili che popolano i boschi.
“Al danno ambientale si aggiunge quello economico – sottolinea il direttore di Coldiretti Vicenza, Cesare Magalini – con importanti ripercu CONTINUA A LEGGERE...




Punto di Creazzo KLIK