Punto n.684 del 15-11-2019
Pag.1 < > Pag.2

Punto di Creazzo n.684 del 15-11-2019
BRETELLA, ALTERNATIVE SCARTATE O PEGGIO IGNORATE
Giovanni Bertacche info@bertacche.com

Una sorta di allucinazione collettiva che sconfina con i misteriosi meccanismi attivati dalla magia, dalla religione, nonché dall’omino di burro che attira Pinocchio verso il paese dei balocchi. Così, ciecamente, ci si affida alla tangenziale per la risoluzione dei mali del traffico in quel quadrante della città. Quanto impegno, si fa per dire, studi, dibattiti e progetti; progetti che al momento di attuarli vengono ulteriormente modificati per motivi di bottega. Per non dire dell’insostenibile tempo trascorso tra progettazione di massima ed esecutiva cantierabile, dieci, venti, trenta anni, ad abitudini del tutto cambiate e il traffico molto di più. A cantiere avviato, un anno fa, si è dovuto constatare un percorso devastante per il territorio, l’unico rimasto verde a vantaggio di una città indifferente, per il resto lasciatasi cinturare da colate di cemento riversate ai suoi confini a partire dagli anni ’60 dai Comuni limitrofi. E l’opera oltre a non arrecare i vantaggi prefigurati anzi aggravandoli, già oggi il traffico da Monteviale congestionato, distrugge un territorio agricolo pregiato. L’inquinamento acustico verso Monteviale e verso il Monte Crocetta, c CONTINUA A LEGGERE...




Punto di Creazzo KLIK