Punto n.708 del 10-07-2020
Pag.1 < > Pag.2

Punto di Creazzo n.708 del 10-07-2020
CONFONDERE SIONISMO CON EBRAISMO E’ UN ERRORE INACCETTABILE
Tiziano Mistrorigo

Leggo su il Punto del 26/06 un intervento di Italo F. Baldo insostenibile e fuorviante: mi limito solo ad alcune parti per brevità. Più che ad una ondata di antirazzismo (sarebbe cosa buona!) si ha uno sviluppo di razzismo e intolleranza.
Si pone in cattiva luce il padre di K. Marx perché passa dalla religione ebraica ad una delle correnti del cristianesimo per conservare il posto di lavoro. Probabilmente non credeva al dio ebraico prima e al dio cristiano poi.
La critica però andava fatta ai cristiani che obbligavano al cambio di religione altrimenti c’era la perdita del posto di lavoro. L’antisemitismo (più corretto antiebraismo) ha sostanzialmente origine dal mondo cristiano.
Illuminante è la storia di Edgardo Mortara, bambino di famiglia ebraica di Bologna (allora nello Stato Pontificio) portato via alla famiglia nel 1858 dai gendarmi pontifici per ordine dell’Inquisitore e mai più restituito. La sottrazione di bambini ebrei era diventata frequente nell’Italia dell’800, specie nello Stato Pontificio: bastava che una domestica analfabeta affermasse di aver battezzato segretamente il bimbo per farne scattare il rapimento da parte delle guardie. (Libro: PRIG CONTINUA A LEGGERE...




Punto di Creazzo KLIK