Punto di Montecchio

Punto n.871 del 23-11-2018

            
Priorità assoluta all’ambiente
Alceo Pace
Sicuramente non è la prima volta e accadrà ancora. Da molto tempo la natura ci manda segnali molto chiari e dirompenti e nonostante questo, l’uomo continua la sua aggressione verso gli altri esseri viventi, porta avanti uno sviluppo con tanti elementi inquinanti, fa arricchire pochi, rapina le risorse e se ne frega dell’ambiente.
I disastri vanno conteggiati nell’economia generale e forse ci accorgeremmo che far costruire o costruire abusivamente una casa in un luogo a rischio non vale la pena! Poi a morire di alluvione, di terremoti e di inquinamento sono quasi sempre i poveri sia nel Primo che nel Terzo mondo: i ricchi sanno trovare dove respirare aria migliore e hanno più soldi per curarsi.
Come si può notare, i temi ambientali sono anche temi sociali ed economici. Il surriscaldamento del Pianeta causato dalla nube serra che avvolge la Terra non è più una opinione ma una certezza scientifica e deve portare ad una coscienza collettiva per agire subito!!!
Lo sviluppo indiscriminato scarica i suoi costi sugli indifesi, accumula i profitti per pochi e fa pagare a tutti il costo ambientale.
La Terra è una sola e aumenta anche la pressione demografica verso la quale è urgente intervenire.
Come pure è necessario essere lucidi e umili nel valutare i dati scientifici relativi agli eventi che sono una conseguenza dell’effetto serra: l’innalzamento degli oceani, i cataclismi climatici, la fame e la sete. Sono tutte ‘faccende’ che riguardano tutte nazioni (ma soprattutto soprattutto le più povere) e sbugiardano i “negazionisti” alla Trump (gli Stati Uniti sono l’unica Grande Potenza al mondo che è addirittura uscita dagli accordi di Parigi sull’Ambiente...)


CLICCA LO SPOT
Torna in cima